domenica 7 giugno 2015

Alla conquista dell'America con Amazon

Sapete quanti sono i romanzi italiani usciti tradotti sul mercato americano? Nel 2014 sono stati 34, secondo il database preparato da Three percent.
Già, solo 34...
Eppure ci sono oltre 100milioni di americani che leggono più di un libro al mese. Nel 2013, secondo i dati dell’UNESCO, sono stati pubblicati in USA oltre 300mila nuovi titoli.
E allora perché ci snobbano? Non siamo forse la terra di Dante?
Il fatto è che in america più di ogni altra nazione il libro è un business e le pubblicazioni seguono regole di mercato: se non vende non si stampa!
Allora, come può un comune mortale raggiungere il più grande mercato del mondo? Attraverso Amazon, ovviamente!
E non solo come veicolo per l’auto pubblicazione ma come vero e proprio editore di testi in traduzione. Dal 2009, infatti, esiste Amazon Publishing, una vera e propria casa editrice internazionale.
Oltre che in lingua inglese, Amazon publishing pubblica in tedesco e, a breve, in altre lingue. Uno dei suoi marchi, AmazonCrossing, lavora proprio sui titoli in traduzione e in brevissimo tempo è diventato il marchio che traduce il maggior numero di titoli per il mercato di lingua inglese.
La maggior parte di titoli tradotti da AmazonCrossing appartengono alla fiction di genere destinata al mass-market. Romanzi rosa, thriller, letteratura per ragazzi e giovani adulti sono i generi che AmazonCrossing predilige.
Farsi scoprire da Amazon pare quindi sia la strada da seguire per avere successo negli USA. Come è accaduto a Die Henkerstochter (La figlia del boia) dello scrittore tedesco Oliver Pötzsch: uscito del 2008 con Ullstein Verlag, ha avuto scarso successo in libreria ma è riuscito ad affermarsi sul Kindle Store di Amazon in Germania ricevendonone una spinta decisiva. Nel 2010 il titolo è stato tradotto in inglese da AmazonCrossing e in poco tempo la serie ha superato il milione di copie vendute solo attraverso il Kindle Store.
Quindi, forza, tutti su Amazon alla conquista degli USA!

Nessun commento:

Posta un commento