domenica 8 febbraio 2015

Cartella standard e conteggio dei caratteri

Se avete proposto un vostro scritto a un concorso letterario, oppure avete contattato editori o agenzie, vi sarà sicuramente capitato di sentir parlare di cartella editoriale standard.
E se siete all'inizio della vostra avventura nel mondo della scrittura vi sarete chiesti cos'è!
La risposta è semplice: la cartella editoriale è un'unità di misura usata per indicare la lunghezza dei fogli dattiloscritti.
La sua misura è per l'appunto standard e consta in 30 righe di 60 battute (spazi inclusi) per un totale di 1800 caratteri.
Solitamente, le impostazioni base dei comuni programmi di videoscrittura, vi porteranno a scrivere pagine con un numero di caratteri superiori a quelli della cartella standard. Per lavorare con questa unità di misura, infatti, dovrete impostare i margini corretti, il giusto interlinea e utilizzare un font con spaziatura costante.
Potrei spiegarvi come fare ma è più facile fornivi un esempio da scaricare.
Generalmente però, anche quando vi è richiesto un testo con una lunghezza massima di cartelle standard, non è indispensabile presentarlo formattato nel modo corretto. Di solito è sufficiente che il numero di caratteri (sempre spazi inclusi) rientri nel limite.
Ad esempio, se per partecipare a un concorso dovete presentare un racconto di massimo 10 cartelle standard significa che non potrete superare i 18000 caratteri. Vi basterà quindi contarli.
Ma come si contano i caratteri di un testo?
I più comuni software di videoscrittura hanno un comando che lo fa per voi. Ecco come farlo con Word:
» Selezionare la tab "Revisione"
» Tra i comandi della sezione "Strumenti di correzione" scegliere "conteggio parole"
» Fatto! Vi si aprirà una finestra con i dati relativi a numero di parole, paragrafi e numero di caratteri del testo

Nessun commento:

Posta un commento