domenica 6 aprile 2014

Spore

La fantascienza oggi è un genere letterario ghettizzato, che sembra poter interessare solo i fanatici, gli appassionati di alieni, astronavi e guerre intergalattiche.
In realtà la narrativa fantascientifica è qualcosa di ben diverso, e la raccolta Spore di Viscusi ne è un fulgido esempio.
Con una narrazione fluida ma al tempo stesso onirica (in alcuni frangenti mi ha ricordato le suggestioni di Jonathan Carroll) Viscusi ci accompagna dentro visioni di realtà alternative. Nove brevi parabole sull'uomo e sul suo futuro, nove sogni (o incubi?) che diventano motivo di riflessione sull'essenza e sul destino dell'umanità.
Perché la vera fantascienza fa questo e Andrea Viscusi dimostra di conoscere bene il genere e di saperlo trasformare con abili tocchi di penna.
Una lettura consigliata naturalmente a tutti gli appassionati del genere ma soprattutto a chi ne diffida, ché a piccoli passi permetterà loro di scoprire tutta la fantascienza di questo mondo...

Nove racconti di genere fantascientifico, con piccole dosi di letteratura fantastica e surreale. Le trame sono piuttosto variegate: abbiamo un uomo in fin di vita che esprime un desiderio piuttosto inusuale circa la sua futura sepoltura; un appartamento nel quale la frutta marcisce più velocemente in un punto che in tutti gli altri angoli della casa; un mondo di soli uomini nel quale i bimbi vengono creati da una macchina e la cui esistenza viene regolata da un unico Libro; un collegio frequentato da ragazzi “particolari”; un essere pensante che s’interroga sulla propria essenza e sulla propria funzione; un uomo che, assieme ad altri soldati, cerca di salvare il pianeta dall’attacco di una civiltà ostile; un ragazzo con un cervello minuscolo, accusato di aver cercato di uccidere la ragazza che ama; una società umana divenuta immortale che all’improvviso deve fare i conti con alcuni esseri dalle fattezze primitive.

Titolo: Spore
Autore: Andrea Viscusi
Prezzo: € 13,90 (ebook 5,50)
Pagine: 132
Editore: Factory "I sognatori"





Nessun commento:

Posta un commento