venerdì 27 dicembre 2013

Appunti di un libero pensatore - 6

Siamo una goccia nel mare, un puntino disperso nell'infinito.
Non sono le solite frasi fatte, quei ragionamenti melanconici da adolescente in cerca della propria strada. Si tratta di un dannatissimo dato di fatto: siamo niente in confronto all'universo che ci circonda.
Che peso hanno le mie parole in confronto a quelle di un Neruda se prese nel contesto di una realtà indefinitamente indefinita?
"Il contesto è tutto. Pensate a Einstein in una partita di football..."
Quello che intendo dire è che i nostri gesti, le nostre azioni, le parole che sprechiamo ogni giorno, hanno un significato solo per una porzione limitata del mondo. Da bambini lo sappiamo benissimo, il nostro mondo sono mamma e papà, tutto finisce lì, e ci piace. Poi succede qualcosa, forse è la presa di coscienza della nostra caducità, forse altro, è un fatto però che a un certo punto della nostra vita cominciamo a spingere per conquistare spazio, per dilatare la nostra goccia nel vano tentativo di trasformarla in mare.
Così siamo diventati una comunità mediatica interconnessa, cercando di espanderci, di risaltare, di esplodere oltre il magna dell'anonimato. Tante esplosioni, un ribollire di magma, e nulla più.
Abbiamo perso la nostra dimensione quotidiana, quel nostro piccolo in cui possiamo essere Neruda.
"Non importa per quante persone lo fai. Conta per chi lo fai."
Guardo le stelle, in fondo non sono che puntini luminosi nel cielo, miliardi di puntini luminosi nel cielo. Per me non hanno altro significato, ma mille e mille anni fa uomini come me hanno dato loro dei nomi perché li aiutassero a navigare.
Sono un ingrato? Un ignorante? O forse, banalmente, a differenza dei miei antenati io ho bisogno di altri punti di riferimento?
Così come le stelle hanno per me ancora quel nome, Neruda resterà per tutti Neruda. Ma forse al mondo c'è anche solo una persona per cui le mie parole hanno un significato ben più grande delle sue.
Per quella persona sono mare.

Nessun commento:

Posta un commento