domenica 4 agosto 2013

L'esordio in numeri

Navigando (virtualmente) si fanno strani incontri. Sono incappato in un ritaglio di giornale (Repubblica di non so quando ma recente) in cui si parlava di autori esordienti ed editoria.
Mi ha colpito particolarmente questo riassunto in numeri:

Proviamo un po' ad approfondire questi dati.
10000 non sono solo i libri pubblicati, ma anche le case editrici italiane (poco meno a dire il vero, ma se approssimiamo per eccesso di qualche centinaia ecco che ci siamo).
Già questo mi fa pensare che il giornalista abbia fatto una stima ottimistica. Un libro all'anno per casa editrice? Ma stiamo scherzando?
E poi il self-pubblishing dove lo mettiamo?
Io un dato ufficiale non ce l'ho ma così, se proprio devo azzardare, credo che in Italia esca una nuova opera ogni 10 minuti...
5000 euro. Qui dicono che è un anticipo. Vi sfido a trovare un esordiente che abbia visto questa cifra (o anche una sua frazione): sarà più difficile dello scovare il famoso ago nel pagliaio.
Impresa più semplice invece trovarne di quelli che l'hanno spesa quella cifra. Per pubblicare, ovviamente! Non ci credete? Leggete qui!
5%. Questo mi pare un valore sensato. C'è anche chi te ne offre di più, 10 o 20%, tanto delle spese di stampa sono rientrati con quello che li hai pagati e non avranno ulteriori spese di distribuzione, i libri te li dovrai vendere da solo!
50000. Non avendo mai conosciuto nessuno che possa avvalorare o confutare questo numero, posso solo fidarmi e farne l'obbiettivo da raggiungere per la mia prossima pubblicazione. Mi darete una mano?


1 commento:

  1. Anche se esistesse un posto dove le cose funzionano così di certo non sarebbe l'Italia. Se esiste però posso sapere dov'è così ci faccio un salto?

    RispondiElimina