martedì 28 maggio 2013

Il burattinaio


Che Francesco Barbi è un capace narratore lo si era già capito con L'acchiapparatti e questo Il Burattinaio (che ne è il seguito) non fa altro che confermare le sue abilità: una storia dai meccanismi perfetti e dei personaggi disegnati con grande acume sono gli ingredienti di una lettura piacevole e divertente.
Ideale per tutti gli appassionati del genere fantasy - o meglio low fantasy - (e ovviamente per i fan de L'acchiapparatti) che in questo libro potranno trovare atmosfere cupe, sanguinose battaglie, perfidi intrighi: tutto ciò che piace agli amanti del filone.
Se paragonato al capitolo precedente però, a mio avviso, questo seguito una pecca ce l'ha: manca di sorprendere veramente. Forse varrebbe la pena fare dei due libri un unico volume.
Resta il fatto che Barbi sa donare al lettore ore di spensierato svago, ed è già tantissimo.
Infine una tirata d'orecchi va data alla Dalai, che ha affidato il lavoro di editing a persone un po' distratte. Sotto altre mani il lavoro di Barbi avrebbe illuminato il panorama del fantasy ancora di più (e certi grossolani errori di battitura sarebbero spariti).


L'Oracolo, sopravvissuto sette volte al Tocco della Luce, ha predetto la caduta del Regno di Olm. L'Arconte Ossor, uno dei pochi che ancora credono nel potere del chiaroveggente, torna a consultarlo e si convince che l'imminente catastrofe sia in qualche modo legata alla scomparsa del mostro di Giloc, precipitato quattro anni prima, in circostanze alquanto misteriose, sul fondo di un crepaccio nelle lontane Terre di Confine. Un manipolo di Guardiani dell'Equilibrio, inquisitori incaricati di reprimere ogni forma di eresia e stregoneria, parte da Olm per far luce sulla vicenda. È il loro capo, l'Indice, a sovrintendere alle operazioni per la riesumazione del mostro e a condurre le indagini circa la comparsa di un presunto stregone nel vicino paese di Tilos. Schiavo della spinavera e spietato, raccoglie voci e dicerie, interroga e tortura i paesani per scoprire l'identità e la dimora di colui che cerca. Fiuta e segue le tracce dell'acchiapparatti di nome Zaccaria fino a Ombroreggia, dove lo cattura e lo rinchiude in un gabbiotto di ferro per condurlo a Olm. Ma Zaccaria "ospita" in sé un terribile segreto. Ci sono giorni in cui il gobbo parla attraverso di lui. Ci sono giorni in cui è un terzo ad abitarlo...

Titolo: Il burattinaio
Autore: Francesco Barbi
Prezzo: € 20,00
Pagine: 525
Editore: Dalai

2 commenti:

  1. Sono contento che i due libri ti siano piaciuti e ti ringrazio per i commenti. Mi faresti un piacere se tu potessi indicarmi qualcuno degli errori grossolani di battitura che hai menzionato, nell'eventualità che in futuro io abbia l'occasione di intervenire sul testo. Qui o via e-mail: barbifrancesco@yahoo.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Francesco del tuo commento nel mio blog.
      Alcuni errori li ricordo, ti mando sicuramente una mail.

      Elimina