domenica 7 aprile 2013

Lezioni di volo per sonnambuli

Dedicato a tutti quelli che cercano un libro piacevole, divertente e intelligente.
Lezioni di volo per sonnambuli è una lettura che scorre via liscia, un'avventura un po' surreale che tiene compagnia strappando molti sorrisi e lasciando ampio spazio alla riflessione. Dietro le rocambolesche vicende di Mikey, infatti, si cela una profonda riflessione sul senso della vita e sulle occasioni  che la rendono degna di essere vissuta.
Perché quanti rimpianti ci rimarranno il giorno che scopriremo di non avere più tempo? Forse per rispondere nessuno dovremmo fare come Mikey, imparare a volare.

Mikey Hough ha quindici anni e vuole volare. È per questo che adesso si trova in cima a un albero del suo giardino e sta per esibirsi in uno spericolato tuffo in una piscinetta di gomma.
Mikey ha deciso di volare perché vuole cambiare la sua vita: i suoi aridi e perbenisti genitori lo ignorano e lui passa le sue giornate chiuso in casa a leggere fumetti e a inventare giochi solitari, senza amici, se si escludono Edmund, il vicino di casa pagato per lasciargli usare il computer, e Gerry, un bizzarro giardiniere tatuato da capo a piedi.
Un attimo di esitazione... e poi Mikey si lancia.
La tecnica è perfetta, ma la mira evidentemente lascia a desiderare, visto che il ragazzino si sveglia in un letto di ospedale. Qui scopre che il suo tentativo di volo non riuscito ha causato un altro, disastroso effetto collaterale: Mikey non potrà mai più dormire. I medici gli danno quindici giorni di vita. In accordo con la sua nuova amica e vicina di casa, la conturbante e pericolosa Livia, decide di vivere i suoi ultimi giorni alla grande, facendo tutto quello che vuole.




Titolo: Lezioni di volo per sonnambuli
Autore: Scott-Wilson Siôn
Prezzo: € 18,60
Pagine: 378
Traduttore: Stefania Cherchi
Editore: Garzanti

Nessun commento:

Posta un commento