domenica 1 aprile 2012

Comunismo

Questa libreria non è il nuovo modello Billy proposto da un noto arredatore svedese, e l'uomo in guanti e felpa viola non è un eccentrico miliardario con un salotto che sembra una piazza.
Questa è davvero una piazza, a Colonia, in Germania, e la libreria in questione si trova a disposizione di tutti.
Come funziona?
Arrivi, apri la vetrinetta (come faresti a casa tua, senza bisogno di codici d'ingresso, schede magnetiche o altri sistemi d'identificazione) prendi il libro che ti interessa e ne lasci uno che non ti serve più o che vuoi mettere a disposizione di altri.
Poi richiudi, torni a casa e leggi.
In sei settimane i 200 titoli sugli scaffali si rinnovano con un continuo flusso di parole e di sapere.
Un comunismo culturale che non ha bisogno di computer, monitor e tastiere.
Una rivoluzione timida e silenziosa che mette veramente a disposizione di tutti arte e conoscenza.

leggi l'articolo

Nessun commento:

Posta un commento